Super bonus 110% per lavori di riqualificazione energetica e installazione di impianti fotovoltaici e colonnine per la ricarica di veicoli elettrici

Un superbonus rivoluzionario perché consentirà di ottenere anche lo sconto in fattura, quindi senza alcun esborso economico da parte dei cittadini, e per la prima volta sarà cedibile a fornitori o a terzi, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari, per l’intero ammontare dei lavori effettuati.

Il contribuente, in alternativa alla detrazione in 5 anni, potrà optare per un contributo sotto forma di sconto in fattura da parte del fornitore, che potrà recuperarlo sotto forma di credito di imposta cedibile ad altri soggetti, comprese banche e intermediari finanziari, ovvero per la trasformazione in un credito di imposta.

Tra gli interventi ammessi in detrazione per spese sostenute tra il 1° luglio 2020 e il 31 dicembre 2021 rientrano tra l’altro i seguenti lavori di nostra competenza:

  • Interventi sulle parti comuni degli edifici e sugli edifici unifamiliari per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti a pompa di calore per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a condensazione, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo, o con impianti di microcogenerazione. La detrazione si calcola su un ammontare complessivo delle spese non superiore a euro 30.000 moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio ed è riconosciuta anche per le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dell’impianto sostituito.
  • Installazione di impianti fotovoltaici e colonnine per la ricarica di veicoli elettrici. La spesa massima per gli impianti fotovoltaici che beneficiano della misura di detrazione 110% è di in 48.000 € con un costo massimo per kW di 2.400 € che scende a 1.600 € nel caso di interventi di ristrutturazione edilizia. Lo stesso limite di spesa è previsto per l’installazione di sistemi di accumulo, con un costo unitario minore di 1.000 €/kWh.
Schema di una pompa di calore
Stazione ricarica veicoli elettrici

Nell’ultima bozza si legge che il superbonus al 110% sarà legato al miglioramento della prestazione dell’edificio di almeno due classi energetiche, in alternativa, se non possibile, gli edifici dovranno conseguire la classe energetica più alta, da dimostrare mediante l’Attestato di Prestazione Energetica (APE). Per maggiori informazioni il nostro ufficio tecnico è disponibile per un sopralluogo in tutto il Friuli Venezia Giulia, per un preventivo chiavi in mano comprensivo di tutte le spese inerenti la progettazione, l’asseverazione e l’esecuzione degli impianti.

Grazie alla partnership con le migliori aziende al mondo nella costruzione di prodotti rinnovabili, di seguito vi indichiamo alcuni marchi da noi trattati:

RICHIEDI UNA CONSULENZA GRATUITA